Seconda portata di Natale: Brasato al Barbera abbinato con il nostro Barone di San Pietro

Per l’ultima puntata del nostro calendario dell’avvento culinario, oggi vi proponiamo la ricetta del Brasato al Barbera da abbinare rigorosamente al nostro nebbiolo in purezza, Barone di San Pietro.

Ricetta:
Mettere un bel pezzo di Reale di vitellone Piemontese in una casseruola a bagno con 2 l di Barbera e Carote, cipolle sedano precedentemente mondate  lavate e fatte a piccoli pezzi
Lasciare in infusione per 36 ore.
Trascorso il tempo, togliere la carne, asciugare bene, buttare il vino e stufare a fuoco lento le verdure finchè saranno ben cotte, in un’altra casseruola far bollire 2 l di Barbera con qualche chiodo di garofano e una piccola manciata di ginepro, quando il vino sarà ridotto della metà spegnere, filtrare il tutto ed abbattere a + 3 gradi
In una busta sottovuoto condizionare il reale con le verdure cotte ed il Barbera precedentemente abbattuto, mettere a cuocere in un bagno termostatato il sacchetto per 24 ore a 68 gradi, a cottura ultimata abbattere nuovamente a +3 gradi. Al momento del servizio aprire la busta, addensare frullando le verdure ed il liquido di cottura aggiustando di sale e pepe, tagliare le fette di reale spesse circa 1 cm e scaldare dolcemente assieme alla salsa ottenuta. Impiattare ed accompagnare con patate al forno oppure polenta
Annunci

Seconda portata di Natale: Flan di cardi in bagna cauda abbinati alla Freisa

Oggi vi proponiamo un altro secondo che potete proporre ai vostri opsiti per il pranzo di natale. Un ricetta decisamente molto piemontese che noi abbiniamo alla nostra amata Freisa.

Ingredienti per 4 persone:
1 kg di cardi
6 uova
200g di parmigiano
a litro di besciamella

Procedimento: 
Mondare togliendo i filamenti dalle coste dei cardi, tagliarli a pezzi grossolani e cuocerli in abbonante acqua salata. Scolare e lasciare raffreddare. Preparare un composto morbido frullando 1 kg di cardi con 6 uova, 200 g di parmigiano ed una presa di noce moscata, aggiungere la besciamella precedentemente preparata (1 lt) e mescolare bene il tutto. Riempire le dosi monoporzione in alluminio, infornare e cuocere per un’ora a bagnomaria in forno a 150 gradi. A cottura ultimata impiattare guarnendo con una salsa di bagna cauda ottenuta sciogliendo molto lentamente le acciughe in olio d’oliva.

Primo di Natale: Risotto radicchio e gorgonzola abbinato al Nebbiolo

Il nostro appuntamento con le ricette di Natale continua. Dopo due antipasti, oggi vi proponiamo un primo che spesso proponiamo anche nelle nostre degustazioni in cantina abbinato al nostro Nebbiolo: il risotto radicchio e gorgonzola.
Ingredienti per 4 persone:
– 400g di riso
– 1 cipolla
– brodo di magatello di vitello e vedure
– radicchio qb
– gorgonzola qd
Procedimento:
Preparare il brodo con il magatello di vitello e vedure. Fare un soffritto con cipolla e burro, far tostare il riso e aggiungere il vino bianco. Una volta evaporato, mettere il brodo fino a cottura. Separatamente far appassire il radicchio in una padella antiaderente e aggiungerlo al riso quando mancano pochi minuti alla cottura finale. Una volta che il riso è pronto, fuori fuoco mantecare con il gorgonzola.

 

Antipasto di Natale: battuta di fassone piemontese castrato

La seconda ricetta che vi proponiamo per il nostro calendario dell’avvento è un altro antipasto tipico della tradizione monferrina e facilissimo da preparare: la battuta di fassone piemontese castrato. A questo piatto noi amiamo abbinare il nostro Sovrana (Barbera).
Ingredienti:
400 g di vitellone Piemontese
olio, sale e pepe qb
Procedimento: 
tritare la carne di vitellone Piemontese,  aggiungere olio, sale, pepe ed impiattare

Antipasto di Natale: Pane nero lardo e miele con Grignolino.

Con l’arrivo ormai prossimo delle Festività Natalizie, abbiamo deciso proporvi da qui al 25 dicembre, come in un calendario dell’avvento culinario, una rosa di 5 ricette che vi raccontino il meglio della tradizione Monferrina natalizia per regalarvi suggestioni e qualche spunto per i vostri cenoni. Oggi iniziamo con un grande classico della cucina del Monferrato, proposto anche nelle nostre degustazioni: Pane nero con lardo e miele, abbinato a un rosso di carattere, il Grignolino.
paneroPane nero con lardo e miele
Ingredienti per quattro persone:
550g di farina ai cinque cereali
360 g di acqua
10 g di zucchero
15 g di sale
Una bustina di lievito
50 g di burro
Lardo qb
Miele qb
Procedimento:
Impastare gli ingredienti per il pane. Cuocere per 2 ore a 160 gradi. Non appena il pane è pronto affettatelo e disponetele sul piatto (due fette a persona(. Aggiungere il lardo e il miele a filo.

 

La Cà Nova alla 26° Sagra del Tartufo Bianco in Valle Ghenza

Come ogni anno torna a Cella Monte il 4 e il 5 novembre la Sagra del Tartufo Bianco in Valle Ghenza. Anche per questa edizione La Cà Nova sarà presente con uno stand sotto il Palatende situato nella piazza principale del paese. La cantina rimarrà inoltre aperta per visite all’infernot e degustazioni a base di piatti tipici monferrini (su prenotazione).

La novità di quest’anno inoltre è che questa sarà la prima edizione regionale della sagra, quindi non potete assolutamente mancare! Vi aspettiamo!

Vendemmia 2017: grande successo!

Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato sui nostri canali social la vendemmia 2017. per la nostra cantina è un periodo veramente intenso, ma quest’anno è stato molto soddisfacente. Ecco le quantità raccolte e una gallery con le immagini più belle:

– Arneis 18 quintali
– Cortese 15 quintali
– Grignolino 105 quintali
– Freisa 70 quintali
– Bonarda 20 quintali
– Barbera 270 quintali
– Nebbiolo 40 quintali